lunedì 6 luglio 2015

Lezioni di volo per principianti-Beth Hoffman



Buongiorno lettori!
Chi di voi conosce Beth Hoffman? Io l'ho scoperta leggendo il suo secondo romanzo "La bottega dei sogni smarriti", mi era piaciuto davvero molto! 
"Lezioni di volo per principianti" è il suo libro d'esordio...


Titolo: Lezioni di volo per principianti
Autore: Beth Hoffman
Editore: Piemme
Pagine: 342
Genere: Romanzo straniero
Prezzo: 11.00
Ebook: 6.99


Una dodicenne e un desiderio, quello di avere un'amica. Questa è la storia di CeeCee, una ragazzina che evita i coetanei, che ha paura delle loro domande, sicuramente inopportune nei confronti di sua madre. Suo padre, assente con  la scusa del lavoro e distratto da un'altra donna, lascia che sia CeeCee ad occuparsi della malattia della mamma, la folle tristezza si alterna a momenti di vuoto o di ira. La mente della madre torna spesso al passato, a quando era felice, eletta reginetta di bellezza e onorata di indossare diadema e fascia. Muore proprio così, indossando il suo ampio abito a gonna larga, dal tessuto frusciante. Il padre di CeeCee non è in grado di provvedere a lei, l'unico modo per dimostrarle
il suo amore è affidarla alla prozia Tootie che la porterà con se a Savannah (Georgia), una città del Sud, lo stesso Sud di cui sua mamma ne decantava le lodi per il suo verde e per la cordialità delle persone. CeeCee ci accompagnerà per le sue strade a fare fotografie, grazie ad un " inconsueto modello" da fotografare nei punti più importanti della città stessa. 
Un romanzo che ci circonda di voci femminili. CeeCee, la ragazzina adulta al punto di badare a sua madre, quella che prende buoni voti perché il suo rifugio dalla realtà sono i libri, si trova difronte il variopinto mondo delle donne, la signora Odell, vecchia vicina di casa, a cui basta un abbraccio per farti sentire unica, la cara Oletta, donna di colore al servizio della zia Tootie e le strane ed eccentriche vicine della zia che credono al Karma, ai rimedi anti-età e che non rinunciano ai piaceri di avere un uomo. La solidarietà femminile in questa bella storia esiste, mi sono piaciuti tutti i personaggi, anche l'antipatica Miz Hobbs, con i suoi orrendi prendisole, sono amabili, autentici e intrisi di voglia di vivere e di voler bene. 

"Ed eccole lì, tutte le donne della mia vita. Fui colpita dal fatto che, a parte mia madre e la signora Odell, le avevo conosciute tutte all'inizio dell'estate: eppure, ognuna di loro aveva impresso le proprie impronte digitali sulle pagine del mio Libro della Vita, lasciando di sé una traccia unica, incancellabile e importante"

Un affidamento unico, quello di CeeCee che si riempie gli occhi e il cuore grazie all'amore della sua nuova famiglia.





2 commenti:

  1. come sai aspettavo con impazienza questa recensione e...ovviamente mi hai convinto!!! :D

    RispondiElimina