venerdì 22 maggio 2015

Eva e l'assoluto-Michela Belli






Titolo: Eva e l'assoluto
Autore: Michela belli
Editore: Autopubblicazione
Pagine: 157
Genere: Romanzo
Prezzo: 1.49




Eva è una ragazza piena di contraddizioni, in lei abitano dolcezza e fragilità, affiancate da una forte determinazione e dalle sue assolute certezze riguardanti la vita ma non sempre corrette. Vive nel ricordo di Christian, un amore ormai finito, senza rinunciare alla sua "più che amicizia" con Gabriele, il ragazzo su cui ha sempre potuto contare. La sua famiglia, in particolar modo suo padre, vive puntandogli il dito contro, aspettando l'errore che la riporterà a lavorare nella pizzeria di famiglia, dove già ci lavora sua sorella, ovviamente, agli occhi di suo padre, perfetta più di lei o comunque: "quella che ha fatto le scelte migliori". Una grande ambizione guida la sua vita: la passione per la letteratura e la scrittura, che la porteranno a lavorare per la Gull, una casa editrice. Solo dopo aver incasinato la sua vita e il suo lavoro si scontrerà con l'unico assoluto che la vita le riserva.
Nato come genere Chick lit, racchiude tutte le caratteristiche che lo rendono tale, la dinamicità del personaggio di Eva, il triangolo amoroso che la stessa intrattiene con Christian e Gabriele e l'umorismo, contrassegnato da una buona dose di "pensieri ad alta voce". Ci ritroviamo una famiglia radicata nelle sue origini, se pur sradicata da Napoli, forse arricchita da luoghi comuni o forse mantenuti genuini, che fa da sfondo senza appesantire.  Particolare attenzione ho dato al personaggio di Eva, non perché personaggio principale della storia, ma perché, premesso che non conosco l'autrice se non per qualche scambio di battute, ho da sempre avuto l'impressione che in questo romanzo non ci fosse solo il suo racconto ma proprio lei: Eva = Michela, Michela =Eva, tesi smentita dalla stessa, che ha confermato solo qualche analogia, ma io da buona testona o fantasiosa, decidete voi, non sono riuscita a togliermelo dalla testa. Eva ha quel grande sogno di scrivere, quello di diventare una scrittrice di successo:

" E quando dico successo, intendo dire, una che almeno abbia pubblicato un libro mediocre con copertina rigida al costo di sedici euro! Una che abbia almeno 813.000 voci correlate su Google in 0.6 secondi."

E chi fra i giovani scrittori emergenti non lo desidera? Ecco il punto del romanzo in cui secondo me Michela ci porta a conoscenza del suo più grande desiderio, e lo fa attraverso Eva.
Chi lo leggerà si troverà qualche refuso già corretto, qualche "assoluto" in più, ma traendone le conclusioni  avrà letto una storia di quelle che possono capitare a tutti, che ti danno quel pizzico di curiosità sul finale che non ho trovato scontato, in cui i personaggi ti tengono piacevolmente compagnia, svelando quale sia il solo vero assoluto.



2 commenti:

  1. Risposte
    1. Libro piacevole e lettura veloce, se vuoi leggerlo fammelo sapere! ti procuro una copia cartecea ;)

      Elimina