Ogni giorno come se fossi bambina-Michela Tilli



Titolo: Ogni giorno come se fossi bambina
Autore: Michela Tilli
Editore: Garzanti
Pagine: 254
Genere: Romanzo italiano
Prezzo: 14.90
Ebook: 9.99


Ad ottant'anni Argentina si rivede ancora bambina, anche se i suoi capelli, un tempo corvini, sono adesso di color argento, attende con ansia quella sorpresa che le cambierà la giornata, quella sorpresa che è anche un segreto da non rivelare a nessuno. Arianna entra nella sua vita per punizione, ha sedici anni e si sente goffa per via del suo peso, è insicura, da farle da scudo ci sono solo i suoi libri e il suo computer. Non avrebbe mai voluto far compagnia ad Argentina, non solo a causa del suo carattere autoritario ma soprattutto per la sua schiettezza pungente. Ma quando la ragazza scopre il segreto della donna, qualcosa inizia ad unirle, quelle lettere che Arianna ha violato portano scritta dentro una storia d'amore, quella di Argentina e Rocco, che ancora giovani si scambiavano occhiate fugaci in chiesa. Questo sentimento cresce fra le vie del paese di cui, anche se ormai vecchia, Argentina ne ricorda i profumi e i sapori.
Ho trovato questo romanzo molto tenero, se Argentina è una donna forte e allo stesso tempo fragile  a causa della sua età, ma volenterosa di provare ancora emozioni, Arianna è l'insicurezza fatta persona, lei le emozioni deve imparare a gestirle, si sente schernire dai compagni, dalle persone che la osservano e persino sua madre tende a farle pesare la sua condizione, questi atteggiamenti la portano a chiudersi nel suo mutismo e a non fare domande. Anche se così diverse le loro vite sono ormai legate. Decideranno così di intraprendere il viaggio che riporterà Argentina a Grassano, condivideranno l'emozione di salire su per il paese percorrendo quei tornanti che hanno l'abilità di farlo sparire e riapparire, rimetteranno poi piede nella Chiesa Madre dove gli sguardi di Rocco hanno fatto innamorare Argentina.

" Il paesaggio, mentre salivamo in macchina, aveva qualcosa di familiare, ma poi aveva perso il contatto. Di certo era cambiata lei, e forse era già abbastanza. In quel posto, che era al centro dei suoi ricordi, pareva che i ricordi non affiorassero più"

L'accoglienza a Grassano è festosa e la scrittrice ricostruisce le abitudini tipiche dei piccoli paesi che già sanno tutto di te prima ancora di varcarne la soglia ma a cui non puoi scappare per sempre perché
come una brava madre sono pronti a riabbracciarti e accoglierti, lasciandoti addosso quel profumo di buono.

NOTA: Di solito non lo faccio, ma questa volta ho deciso di inserire a fine recensione delle foto del paese di Grassano, dopo aver finito il libro la curiosità ha avuto la meglio, ed ho cercato...volevo vedere questo paese della provincia di Matera, Michela Tilli descrive per bene il momento in cui Argentina e Arianna lo vedono per la prima volta e credo che l'immagine che gli si presentò davanti fu più o meno la stessa di questa foto, tutte le case strette insieme sull'altura della collina ad aspettare il suo ritorno, con la Chiesa Madre che conserva il ricordo degli sguardi dei due ragazzi...





Commenti

  1. anche questo è un libro che ho intenzione di leggere da un po'...le due protagoniste, così diverse, eppure unite, mi intrigano parecchio! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari